Vellutata di fagioli con "malfattini"

gennaio 24, 2015

Crema di borlotti


Due pennellate di glassa ai panini dolci, quattro pennellate di smalto alle sedie.
Mi sono alternata al di qua e al di là di una porta, diventata bianca anche lei poco tempo fa, scambiando pennelli e fragranze a ogni varco di soglia.
E confesso che il profumo di brioche era molto meglio dell'aroma di mordente.

Ora le sedie sono al loro posto vestite di tutto punto con cuscini di lino completi di fiocco (bianco, ça va sans dire) che mi sono costati un paio d'ore di taglio e cucito con la zia chiacchierona per risparmiarmi un monologo col sarto silente.

Tempo una settimana e mi sono fatta venire in mente di sostituire anche il piccolo tavolo. Ho visto una foto ed è stato amore a prima vista. Naturalmente richiede un po' di lavoro, niente che si possa comprare già fatto per intenderci.

"Abbiamo ancora quelle vecchie assi?"
Un carosello di trapano, mazzuolo e pialletto.
E sono pronta a infilarmi di nuovo i guanti usa e getta.

Abbracci,

V.

P.S. per Emiko, destinataria virtuale dei panini (stiamo sperimentando questa ricetta a quattro mani e un oceano di mezzo): non ho invertito i pennelli in tutto quel viavai e la ricetta funziona.

Malfattini all'uovo

Brodo di borlotti con "malfattini" (per 2 persone)

Per il brodo:
100 g di fagioli borlotti (oppure una lattina da 250 g sgocciolati)
1 carota
1/2 gambo di sedano
1/2 cipolla
1 patata piccola
1 foglia di alloro
1 rametto di rosmarino
1 mazzetto di prezzemolo
1 aglio
Olio, sale, pepe

Per i "malfattini":
100 g di farina
1 uovo piccolo
1 pizzicotto di sale

Mettete a bagno i fagioli per almeno 12 ore. Risciacquateli (vale anche per quelli in lattina) e metteteli in una pentola con patata, carota, sedano e cipolla tritati grossolanamente, alloro e rosmarino; coprite di acqua, aggiungete poco sale e fate cuocere finché i fagioli non sono teneri.

Intanto preparate la pastella: fate la fontana con la farina, unite un pizzicotto di sale e rompeteci l'uovo; lavorate prima con una forchetta, poi a mano finché non otterrete un impasto duro, se le vostre uova sono di dimensioni standard (quelle acquistate di solito lo sono) magari aggiungete un po' di farina. 

Lasciate riposare la pastella 15' senza coprirla poi tagliatela prima a fette, quindi a bastoncini (avete presente le patatine fritte?) infine a quadretti che dovrete tritare a coltello come se si trattasse di verdure finché non ottenete delle briciole fini. Sgranatele strofinandole tra i palmi e lasciatele asciugare su un canovaccio pulito.
Questa quantità è sufficiente per quattro persone, fate le dovute proporzioni.

Quando i fagioli sono teneri, eliminate la foglia di alloro e il rametto di rosmarino e lavorate con il frullatore ad immersione finché non avrete una crema molto fine; se necessario aggiungete un po' di acqua. Aggiustate di sale e lasciate sobbollire.

Fate un trito molto fine di prezzemolo e aglio, scaldate in padella due cucchiai di olio extravergine e fatelo saltare. Unitelo al brodo (tenetene da parte un paio di cucchiaini per servire) e mescolate rapidamente.

Cuocete i "malfattini" nel brodo pochi minuti. Versate nei piatti e completate con l'olio erborinato e una macinata di pepe.



---------------
Prezzemolo a parte: è il valore aggiunto di questo brodo, irrinunciabile per dargli quella marcia in più. Nel momento in cui lo versate si sprigiona un profumo che ha potere di persuasione... provateci.

Grattini o malfattini? Un altro caso in cui pochi chilometri cambiano i nomi propri. La sostanza è la stessa, varia la tecnica: nel primo caso la pastella è così dura da potere essere grattugiata - da cui il nome - mentre se la tagliate a coltello mangerete dei malfattini. Vedete voi...

Vellutata di fagioli

You May Also Like

22 commenti

  1. In questa stagione umida e fredda il brodo di fagioli è il massimo del gusto e del piacere.

    RispondiElimina
  2. E' UNA RICETTA MOLTO INTERESSANTE, SANA E GUSTOSA, CHE VUOI DI PIU'?????BRAVISSIMA!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  3. Mi piace un sacco questa ricetta, semplice ma davvero squisita!! Brava!

    RispondiElimina
  4. ciao cara, ma quanti bei lavoretti stai facendo, già mi immagino la tua casina. Sai che conservo in cantina vecchi mobili di mia mamma, tempo fa ho imbiancato la credenza, mammamia che lavoraccio.....chissà magari un giorno cambiamo casa, mai dire mai. Anche la ricetta di oggi mi ispira un sacco, di quelle rustiche che piacciono a me. Con questo freddo mangerei zuppe sempre.
    Un bacione e buona domenica
    Sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, non parliamo di mobili stivati... Praticamente il fienile è pieno a metà. È che non posso farci niente, ovunque li trovi mi seguono di loro spontanea volontà... Il problema è farli passare da quella scala stretta-che-più-stretta-non-si-può che li porta di sopra. E qualcuno pur di accontentarmi...

      Elimina
  5. Contagi entusiasmo! Devi avere manine sante tra smalto, panini, brodo e malfatti e anche il tavolo!! Quando sei libera avremmo un paio di progettini da sottoporti...^ ^ Ahhh che meraviglia il DIY! Bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazze, non vorrete farmi arrossire vero? Le mie manine più che altro chiamano a gran voce una manicure, anche in considerazione del fatto che lo smalto bianco latte sembra passato di moda... Sempre disponibile alle consulenze e agli scambi di idee, naturalmente.

      Elimina
  6. Mamma quante cose sai fare, hai proprio le mani d'oro!!!
    E questa vellutata con la pasta fatta in casa ... che dire ... bravissima!!!
    Un mega abbraccio e buona settimana
    Carmen

    RispondiElimina
  7. Ma sei bravissima, sai fare taglio e cucito oltre a cucinare e dipingere :)
    Questa vellutata è d'un buono incredibile......complimenti!
    Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vorrei deluderti, ma non so proprio cucire e taglio a sentimento; con i pennelli mi destreggio e in cucina faccio sempre ricette molto semplici... Sicuramente però non mi dò per vinta...

      Elimina
  8. una bellissima ricetta, adoro tutti i piatti a base di legumi e questa vellutata mi ispira tantissimo,gustosa, adatta a questo periodo e da provare assolutamente:))quel trito di aglio e prezzemolo aggiunti alla fine sicuramente conferiscono al piatto una nota di sapore in più:))
    bravissima, ti faccio tanti, tanti complimenti sia per la ricetta che per tutte le cose che sai fare:))
    un bacione e buona settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosy, grazie mille. Non è che sappia fare molte cose per la verità ma mi piace provarci e lasciare un tocco personale qua è là. E considera che spesso il "personale" corrisponde a "fortemente impreciso".

      Elimina
  9. Tagli e cuci.. rivernici sedie.. cucini... ammazza se sei brava!Io non so nemmeno se sono brava a cucinare :-P prrr.. scherzo!! Comunque complimenti davvero.. anche per questa zuppettina.. baci e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente di tutto quello, diciamo che a volte riesco a convincere dei vecchi mobili a farsi dare qualche pennellata di smalto. Buona giornata a te.

      Elimina
  10. da fare al più presto!!! sei proprio brava, un abbraccio e buona settimana Lory

    RispondiElimina
  11. I malfattini...mai sentiti prima! ma devono essere deliziosi!
    E che belle le tue sedie! complimenti, sei bravissima! :)

    RispondiElimina
  12. Sei proprio brava! Grazie per essere passata da me :) con immenso piacere seguirò anche io il tuo blog!

    RispondiElimina
  13. Eccomi qui da te, immediatamente conquistata da questo Blog, queste ricette, queste foto........a presto!!!

    RispondiElimina
  14. Mamma mia che ricettina meravigliosa, bravissima.
    Mandi

    RispondiElimina
  15. Sei tuttofare, allora! Brava! Ogni volta che vengo a trovarti mi vien voglia di provare le tue ricette allettanti. Passa un buon fine settimana.

    RispondiElimina
  16. Veramente buona la zuppa e quanto buon gusto!
    Non posso che ammirare la tua originalità e la tua bravura.
    Serena domenica da Luci@

    RispondiElimina
  17. complimenti per i malfattini una grande mano

    RispondiElimina